• Monica Francia

    Posted on maggio 26, 2009 by in schede personali

     

    [profilo facebook]

    Cresciuta negli stimoli della danza di avanguardia di New York alla fine degli anni Settanta, decide di intraprendere un percorso originale di ricerca nell’ambito della Danza contemporanea italiana.

    Il mio lavoro oppone alle tecniche e ai codici, da cui volutamente mi sono sempre tenuta lontana, l’emancipazione del corpo, il peso della carne, la fatica del respiro, la potenza del contatto.
    Limita l’interprete dentro uno studio fisico rigoroso, incatenato allo scorrere dell’emozione, allo spazio relazionale e a quello dei sentimenti, una ‘danza senza danza’ che elimina per esclusione diversi modi di raccontare.

    Dal 1981, anno in cui fonda a Ravenna il gruppo teatrale Linea Maginot,fino al 1987 si dedica alla ricerca e alla creazione di eventi danzati solitari. Nel 1987 esce con la produzione Solo in occasione della rassegna “Le forze morbide” al teatro Petrella di Longiano. Nel dicembre 1988 vince il primo premio al “Concorso Internazionale di Cagliari” nella categoria ‘Assoli’. Successivamente inventa la Compagnia Monica Francia e crea lo spettacolo Effemeridi. Nell’estate dell”89 un duetto tratto dalla nuova produzione vince il premio per la migliore coreografia al “Festival Internazionale di Vienna”. Nell’aprile 1990 partecipa a Parigi al concorso internazionale di coreografia “Prix Volinine” vincendo il quarto premio per la coreografia e il primo premio per la migliore interpretazione. In collaborazione con il Comune di Ravenna e Tir Danza produce Il Profumo del Respiro che viene rappresentato in prima nazionale al Teatro Rasi di Ravenna nell’aprile ’91. Con questa produzione vince il “Concorso Europeo Les Pépinières”. Nel ’92 è impegnata come danzatrice nella coreografia di Tery Weikel Brevi ritratti nel vento. Nel 1993 viene prodotta dal “Festival Internazionale di Santarcangelo” con il suo nuovo progetto L’uomo Coriandolo in collaborazione con la regista e video-maker Maria Martinelli. Vince il “Premio Ricordi” per la migliore sceneggiatura Video-Danza sezione speciale del ‘Coreografo Elettronico’. Nel gennaio 1994 esce con la produzione per quattro attori-danzatori dal titolo Fragole e Sangue che, vincendo il “Concorso Iceberg”, partecipa alla “Biennale Giovani 1994 a Lisbona. Nel dicembre 1994 lavora su di una creazione per ’5 attori e Francesca’ dal titolo: Collera Incollata Al Cuore. Nel marzo ’95 è impegnata come danzatrice nello spettacolo Ferita di Andrea Adriatico. Nell’aprile 1995 collabora come coreografa con Ermanna Montanari per lo spettacoloIppolito di Ravenna Teatro. Nell’estate ’96 produce la videocreazione Elogio del Lento Presente.
    Nel ’97 lavora sul progetto di visione per quadri Ritratti che vince il “Premio Danza & Danza 97/98″. Nel gennaio del ’98 produce Oracolo Rituale in collaborazione con Ravenna Teatro e Accademia Perduta-Romagna Teatri. Nel 1999 viene scelta con lo spettacolo Ritratti.Versione 1.1 per rappresentare l¹Italia nel progetto “TransDanse Europe2000″ in turné nei più importanti Festivals Europei: Avignone (F), Bergen (NO), Praga (CZ), Bruxelles (B), Bologna (I), Helsinki (FIN), Reykjavik (ISL). Due nuove produzioni per il 2001: Regina su commissione di Carolyn Carlson (direttrice artistica della Biennale di Venezia-Settore Danza) e Cerimonia. Viaggio errante verso Shakespeare in 3 siti e 7 quadri commissionato da Ravenna Festival. Debutta in aprile 2002 a Milano il primo studio della nuova produzione della compagnia Un cuore così bianco. Nel 2002 chiude l’esperienza della Compagnia Monica Francia e inizia a produrre, per l’Associazione ArtipigriMemorie di M (2003) e Dèjà Vù (2004). Nel 2003 vince il premio “Hesperia”. Nel 1994 fonda l’Associazione Cantieri, che promuove e stimola lo sviluppo di una cultura originale sulla Danza Urbana e di Ricerca. I progetti più importanti presentati da Cantieri sono dal 1996 il Festival Lavori in Pelle – Vetrina della Giovane Danza d’Autore nel Comune di Alfonsine (RA) e dal 1999 il Festival di Danza Urbana Ammutinamenti a Ravenna. La presenza continuata sul territorio e il modello di progettazione di questi interventi originali, ha creato il terreno fertile per poter apprezzare una Danza di Ricerca originale, ha fatto crescere nei giovani l’esigenza di creare e fondare gruppi di lavoro e ha impostato le basi perché si possa guardare ed apprezzare la Danza d’Autore e di Ricerca con grande apertura e senza i pregiudizi che di solito obbligano lo sguardo sulla Danza in Italia.

    Monica Francia, forse come pochissime persone in Italia, possiede un’ampia competenza su più livelli per ciò che riguarda la Danza contemporanea nel nostro paese. Infatti, oltre ad essere un’importante e originale coreografa italiana della sua generazione, ha avuto un ruolo attivissimo nelle battaglie di categoria contro l’immobilismo del sistema italiano; infine è lei stessa direttrice di festival in rapido sviluppo, che offrono ogni anno importanti occasioni di verifica delle nuove tendenze della Giovane Danza Italiana.

    Artista di provata esperienza e grande seguito nel campo della ricerca e della formazione, ha insegnato e sperimentato la sua ‘tecnica’ in modo continuativo dal 1986 al 1995 in vari centri di Danza a Ravenna e provincia. Dal 1995 tiene laboratori in molti centri italiani ed è stata docente di Coreografia presso la Scuola d’Arte Drammatica ‘Paolo Grassi’ di Milano. Dal 1995 ha proposto vari corsi di aggiornamento per le insegnanti delle scuole di Ravenna; attualmente si sta dedicando all’elaborazione della metodologia nella tecnica CorpoGiochi®.

    Post Tagged with
Comments are closed.