Ammutinamenti

Ammutinamenti – festival di danza urbana e d’autore, sotto la direzione artistica di Selina Bassini e Monica Francia dal 1999 si rende promotore a Ravenna di un intento culturale teso a restituire la danza ad una nuova relazione con lo spazio ed il pubblico. L’obiettivo del festival è infatti da sempre promuovere e sostenere la giovane Danza d’Autore e creare un programma capillare di formazione di un pubblico per la danza nel nostro territorio.

Il ricco programma del festival si compone di eventi site specific nei luoghi urbani della città di Ravenna dalla Darsena di città al centro, mettendo al centro il pubblico e accompagnandolo alla scoperta di luoghi vissuti con un’ottica nuova, di spettacoli di compagnie emergenti ed affermate nel panorama della danza contemporanea e di giovani autori all’esordio della loro carriera all’interno del teatro Artificerie Almagià.

Il festival ha l’intento di avvicinare la comunità ad un’offerta culturale specifica come quella della danza contemporanea, proponendosi come motore propulsivo di nuove esperienze spettacolari, generando nuovi codici e modalità performative, attraverso gli azzardi e le connessioni inedite alle quali le arti performative, nelle declinazioni più coraggiose, tendono fatalmente per status genetico.

È in qualche modo un Festival – Manifesto di necessità, vocazioni e intenzioni che si sono evolute nel corso degli anni e hanno cambiato gradualmente la morfologia e la percezione di uno spazio, esteriore, fisico, ma anche e soprattutto emotivo e sensoriale, creando differenti cartografie, promuovendo talenti, indicando direzioni e approcci inediti e trasversali: un futuro necessario che si racconta e disegna un orizzonte aperto attraverso nuovi sguardi e nuovi corpi.

Artificerie “Almagià”, residenza artistica dell’associazione Cantieri, e gli spazi urbani della città diventano luoghi per la danza, per catturare efficacemente il pubblico e trasformare la loro funzione sociale e aggregativa, attraverso strategie comunicative alternative, capaci di offrire una differente qualità esperienziale.

Una prospettiva obliqua che ha abituato a vedere e a vivere la relazione con la città attraverso altre strategie, altre intenzioni, altre suggestioni; una scuola di pensiero su come vivere un luogo in altro modo e sulle possibilità di relazione tra esseri umani, per strada, a casa, al lavoro, colonizzando con pensieri diversi territori e dandogli un’altra vita, con i corpi ma anche con la disciplina coraggiosa che esige ogni assunzione di responsabilità estetica sul mondo.

Ammutinamenti è sostenuto da: Comune di Ravenna- Assessorato alla Cultura, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali – Dipartimento dello Spettacolo dal Vivo, Regione Emilia Romagna e il Patrocinio della Provincia di Ravenna

www.festivalammutinamenti.org